XClose

Why we post

Home
Menu

I social media come espressione della differenza di classe

Shyam Sundar è un ragazzo di 21 anni alto borghese appartenente alla casta Brahmin. Si è laureato in commercio e frequenta un’università famosa, possiede un i-Phone con un abbonamento a una connessione 3G ed è sempre collegato a diversi siti di social media. Shyam vive in un appartamento dotato di wi-fi in un alto edificio a più piani e si connette ai social media anche attraverso il suo Macbook Air. Ha circa 380 amici su Facebook, 145 seguaci su Twitter ed è anche un membro di alcuni gruppi su WhatsApp (la società del dibattito, ex compagni di scuola, il gruppo di simulazione ONU, la Croce Blu indiana, PETA, il movimento vegano, ecc.). Shyam manda richieste di amicizia solamente a persone che conosce offline. Nei suoi album di foto appare in compagnia di uomini e donne e le foto mostrano oggetti di marca e tendenze provenienti dagli Stati Uniti, come ad esempio gruppi metal e TV show americani. Non c’è nulla che possa indicare che la sua lingua madre sia il tamil o che viva nello stato del Tamil Nadu.

Karvannan, invece, è uno studente universitario di informatica di 21 anni appartenente alla casta Dalit (chiamata ufficialmente “gli intoccabili”), che lavora in una filiale di una banca nazionale a Panchagrami. Karvannan studia grazie a una borsa di studio del governo, possiede uno smartphone usato e accede a Facebook e a WhatsApp solo attraverso una scheda internet prepagata. Fa un uso moderato della scheda internet durante il pranzo, quando accede a WhatsApp per leggere i messaggi dei suoi amici dell’università. Oppure il suo accesso a internet si limita a quando è gratuito, cioè prima delle 7 del mattino e dopo le 9 di sera. Dei suoi 670 amici su Facebook, più di 450 sono degli sconosciuti e circa 100 di questi sono donne. Il suo account, inoltre, è stato temporaneamente sospeso poiché aveva inviato troppe richieste di amicizia a sconosciuti. Da quanto si legge sul suo profilo, Karvannan lavora per un’importante compagnia d’informatica, un dettaglio che, secondo lui, dovrebbe fare colpo sugli sconosciuti. Pubblica perlopiù immagini di neonati (per attrarre le ragazze), foto di star del cinema tamil e frasi di buon augurio per festival indù. I suoi album di foto lo mostrano sempre da solo, in motorino con la sua nipotina di 6 anni o con alcuni compagni di corso in una spiaggia vicino a casa. In nessuna foto viene mostrato in compagnia di ragazze. In genere, i suoi post sono in tamil o in tamil anglicizzato.

8-india-story