XClose

Why we post

Home
Menu

I social media non stanno rendendo il mondo più omogeneo.

Una delle scoperte principali del nostro progetto è che le persone in ogni parte del mondo trovano dei modi per far sì che i social media servano a degli scopi locali. I social media sono un nuovo modo per esprimere le differenze culturali più che una tecnologia che ha reso il mondo più omogeneo.

8-discovery
Rural China

Uno dei motivi per cui non possiamo considerare i social media come uno strumento di omogeneizzazione è che il popolo più grande del mondo, quello cinese, usa delle piattaforme di social media completamente diverse da quelle usate in Occidente. In questo film, tratto dal nostro corso di e-learning, Tom McDonald e Xinyuan Wang esplorano varie piattaforme di social media cinesi.

India

Spesso nei social media vengono espressi dei fattori locali, come ad esempio la gerarchia sociale, che in questo caso è composta da classi e caste.

Storia

I social media come espressione della differenza di classe

8-india-story
Trinidad

Sui social media viene usato molto spesso il dialetto locale ed è importante per le persone sentire che stanno comunicando in modo autentico. La parola “bacchanal” è utilizzata per riassumere sia il carattere della gente di Trinidad in generale sia le conseguenze dei social media, e indica come le persone vedano i social media come veri trinidadiani.

Chile

I social media sono utilizzati per creare un distintivo senso di comunità cilena “del Nord” attraverso, ad esempio, la promozione di danze tradizionali, come mostrato in questo film.

Turkey

Le nozioni tradizionali e locali dell’orgoglio e della vergogna sono molto importanti per capire i social media di questa zona.

England

La nostra maggiore scoperta rispetto al campo di ricerca inglese è che le persone hanno trasformato i social media in una pratica molto “inglese” di mantenere le persone alla giusta distanza, non troppo vicine ma neanche troppo lontane.

Italy

I social media possono anche non omogeneizzare il mondo, ma rendono le persone di questo campo di ricerca più consapevoli delle diversità e del mondo in cui vivono.